torna indietro

Melone

Retato

Molto apprezzato il colore giallo vivo della buccia, la polpa è di un colore arancio intenso, croccante, succosa, con un sapore di miele e un aroma intenso e persistente.

Red falcon

Dal nome della cittadina Cantalupo in provincia di Rieti dove i monaci nel medioevo dall’Asia portarono per primi i semi di questo frutto, questo melone si riconosce per la sua decisa “retatura”, una polpa compatta di color pastello e un elevato grado zuccherino. Il miglior modo per gustarlo è semplicemente tagliato a fette, fresco e dissetante.

Liscio

Il frutto presenta una buccia totalmente liscia il cui colore varia a seconda della varietà e del livello di maturazione, cambiando dal bianco crema al giallo intenso. La polpa invece è arancione e molto morbida e dal profumo intenso. All’assaggio si resta prima colpiti dalla dolcezza e poi si viene catturati da un bouquet aromatico ricco di note fresche e floreali.

Gialletto

E’ chiamato anche melone invernale perché si raccoglie d’estate e si mantiene anche fino a dicembre. Il frutto presenta una buccia grinzosa interamente gialla. La forma è allungata alle due estremità, la polpa invece è molto chiara e morbida, bianca con impercettibili venature gialle, profumata e dissetante, ricca di antiossidanti, vitamine e sali minerali.

Piel de sapo

Il Melone Piel de Sapo , o “pelle di rospo” è di origine spagnola ma radicato in Sardegna prima di diffondersi in tutta Italia; è ovale con buccia liscia o rugosa, verde o leggermente maculata. La polpa è bianca mielata, croccante e molto zuccherina.

ORIGINE E BOTANICA

Il melone, frutto della pianta rampicante Cucumis melo, appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee.
Le probabili origini di questo frutto sono riconducibili all’Africa, da dove si è diffuso su tutto il bacino del Mediterraneo. Sono di stagione da giugno a settembre, compresa la varietà invernale che viene raccolta d’estate e consumata nei periodi invernali quando raggiunge il pieno della maturazione.